• CALICIVIRUS

E’ una malattia respiratoria portata da un virus la cui trasmissione avviene principalmente per contatto diretto con gatti in fase di malattia acuta o mediante il contatto con portatori che possono rimanere per tutta la vita in assenza di sintomatologia. Il virus si trova nelle secrezioni congiuntivali, nelle feci e nelle urine. L’infezione si manifesta in forma acuta in prevalenza nei gatti di giovane eta’; i sintomi piu’ comuni sono: scolo nasale, sternuti, a volte tosse e dispnea. Sono frequenti congiuntivite, ulcerazioni del cavo orale e spesso gengiviti croniche.

  • GASTROENTERITE VIRALE

E’ anche conosciuta come PANLEUCOPENIA INFETTIVA FELINA ed è una delle malattie infettive piu’ pericolose per il gatto. E’ piu’ comune nei gattini e nei gatti giovani dove è caratterizzata da un’alto tasso di mortalita’. La trasmissione avviene per contatto diretto con gatti infetti o con il virus presente nel materiale organico disperso nell’ambiente. I sintomi sono rappresentati da vomito, forte dolore addominale, diarrea e rapida disidratazione e spesso conducono alla morte in maniera improvvisa.

  • LEUCEMIA FELINA

Il virus della FeLV si trasmette principalmente attraverso il contatto con un gatto infetto, soprattutto mediante la saliva, ma è presente anche nel sangue, nelle urine e in altri fluidi organici. In genere non viene trasmesso per contatto indiretto (ciotole e lettiere) perche’ sopravvive per poco tempo nell’ambiente. Il rischio di infezione aumenta quando piu’ gatti vivono sotto lo stesso tetto. La malattia colpisce gatti di qualsiasi eta’ e i sintomi possono essere molto variabili e rendere difficile la diagnosi. L’anemia è uno dei segni clinici piu’ importanti. I nostri gatti sono tutti testati con esito negativo per la FeLV.

  • CHLAMIDIA

E’ una malattia oculare che si manifesta con una congiuntivite con scolo oculare che puo’ diventare mucopurulento. Si associa spesso alle forme respiratorie virali sostenute da herpes virus e calicivirus. L’infezione avviene per contatto diretto tra gatti o tramite le secrezioni congiuntivali e nasali.

  • RINOTRACHEITE VIRALE

E’ una malattia infettiva e contagiosa (tra gatti). Colpisce prevalentemente in forma acuta soggetti in eta’ neonatale con la comparsa di sintomi respiratori caratterizzati da sternuti, scolo nasale e oculare, febbre, mancanza di appetito. Puo’ verificarsi la comparsa di congiuntiviti piu’ o meno gravi da sierose a purulente, nella cui fase di risoluzione compaiono ulcere e lesioni dell’occhio e delle narici. Il danno a carico dei turbinati nasali puo’ diventare permanente predisponendo il gatto in eta’ adulta allo sviluppo di riniti, sinusiti e congiuntiviti croniche.

  • PERITONITE INFETTIVA FELINA 

La FIP è una malattia letale causata dal Coronavirus, un particolare ceppo del comune virus del raffreddore. La malattia tende a presentarsi in animali giovani o anziani manifestandosi in due forme cliniche, umida o granulomatosa. Nel primo caso si avra’ un dimagrimento del soggetto con anomalo ingrossamento dell’addome causato da accumulo di liquido. Questo liquido comprime gli organi interni provocando gravi difficolta’ respiratorie. Nella forma granulomatosa non si ha nessun versamento in addome. La sintomatologia prevede calo di peso, febbre, vomito, dissenteria, rigonfiamento dell’addome e grave debilitazione generale. La diagnosi è possibile solo quando il gatto manifesta i sintomi, ma purtroppo a quel punto la malattia è gia in stato conclamato. La FIP è incurabile e non ci sono terapie sicure e non esistono in commercio vaccini validi anche se sono in via di sperimentazione in paesi quali Stati Uniti e Svizzera.

  • IMMUNODEFICENZA FELINA

La sindrome da FIV puo’ essere paragonata alla sindrome da AIDS umana in quanto aggredisce il sistema immunitario del gatto rendendolo vulnerabile a molteplici malattie. Il contagio avviene mediante la saliva ed il sangue. I gatti colpiti dal virus della FIV non manifestano particolari sintomatologie immediate ma l’infezione li predispone ad una serie di malattie virali e batteriche che li portano inevitabilmente alla morte. Non esiste terapia specifica e la diagnosi viene eseguita con un test ematico. Tutti i nostri gatti sono testati con esito negativo per la FIV.

  • RABBIA

E’ una malattia infettiva causata da un virus che colpisce il sistema nervoso. Si trasmette perlopiu’ attraverso il morso di animali infetti. La malattia si manifesta in diversi modi dipendenti dal ceppo virale, dalla zona del morso, dalle condizioni del soggetto morsicato e dal suo stato di immunizzazione. Recentemente tale malattia si manifesta con sintomi poco plateali dando solo un generico senso di malessere e ottundimento del sistema nervoso. La malattia è pericolosa anche per l’uomo ma la somministrazione del vaccino da un’ottima protezione ed è totalmente efficace. La protezione data dai moderni vaccini va ben oltre l’anno ma la frequenza dei richiami è stabilita per legge in dodici mesi. Il regolamento di polizia veterinaria disciplina la profilassi sul territorio nazionale e rende obbligatorio il vaccino per tutti gli animali domestici nelle regioni dove la malattia esiste. Il vaccino puo’ essere somministrato a gatti che abbiano superato il terzo mese di vita.